Come pianificare e creare contenuti SEO evergreen

windows-hill-gallery-hd-notebook-grassy-hills-laptop-128873

Un contenuto “evergreen” è un contenuto che rimane fresco e attuale anche col passare del tempo.

In un ottica SEO, questa tipologia di articolo è fra le più ambite perchè genera traffico per un lasso di tempo maggiore rispetto ad uno non evergreen.

Sintetizzando, un esempio di contenuto evergreen potrebbe essere una “guida alla sostituzione della corda della tapparella” dove il testo della guida rimarrà valido anche per anni dalla sua pubblicazione, mentre al contrario un articolo sulle “qualificazioni mondiali brasile 2014” avrà una sua scadenza naturale dopo l’evento, quando non verrà praticamente più cercato nei motori e quindi non genererà più traffico.

Per creare questo genere di contenuto bisogna trovare innanzitutto l’idea giusta e capire quale tipologia usare.

Pianificazione e ideazione 

Per trovare l’ispirazione ci sono molti modi, eccone alcuni fra i più efficaci e veloci.

Collega il tuo prodotto al contenuto 

Parte della sfida è legata alla natura stessa del prodotto su cui vuoi puntare. Per alcune attività le opportunità di contenuti sono ovvie. Per esempio la Lego non avrà troppi problemi a creare contenuti, grazie alle caratteristiche del suo prodotto.

Ma  se vendi soluzioni di controllo dei parassiti, o assicurazioni, le cose si complicano…

Prendiamo come esempio il blog deBugged dell’impresa Ehrlich dedicato al controllo dei parassiti. In questo caso si punta su un contenuto come la guida sulle termiti, ma anche su post giocosi come ricette di brownie agli insetti per una persona.

deBugged

Identifica i problemi più comuni tra gli utenti/consumatori 

Un’ottimo punto di partenza per la creazione di contenuto è focalizzarsi sulla soluzione di problemi concreti.

Per esempio il form del sito di Repair Clinic, con i sui menu a tendina, permette agli utenti di navigare a seconda dei problemi riscontrati.

Repair Clinic

Questa è sicuramente un ottima modalità di navigazione, ma rivela anche qualcosa sul processo di creazione di contenuti: attraverso la ricerca delle keyword, o meglio un analisi delle domande e dei problemi del consumatore, Repair Clinic ha identificato alcuni dei motivi per cui i clienti cercano informazioni sulla riparazione.

Ha quindi creato la pagina in modo che corrisponda alla query degli utenti, e proposto alcune risorse utili che rispondano a queste esigenze.

In ottica SEO, funziona perfettamente: se cerchi su Google alcune delle problematiche del menu a tendina, troverai Repair Clinic nelle prime posizioni dei risultati di ricerca.

Reapair Clinic SEO

In sintesi, Repair Clinic ha individuato  i problemi comunemente riscontrati dagli utenti e ha creato il contenuto adatto a  risponde a questi problemi.

Il fatto che questo contenuto si trovi facilmente nelle SERPs assicura all’azienda un traffico rilevante e la vendita di alcuni pezzi di ricambio.

Interpreta i dati delle visite al tuo sito

Sono molte le idee da cui prendere spunto per creare contenuti validi, perché non partire proprio dai dati di traffico del tuo sito?

Per esempio, potresti cercare tra i dati di ricerca per conoscere le query più usate e i problemi a cui il tuo contenuto potrebbe rispondere.

Cosa ha funzionato in passato?

Riguarda i dati delle analytics e trova i post più efficaci presenti sul tuo sito.

Si tratta di controllare quali sono i contenuti migliori degli ultimi uno o due anni e se ci sono dei post con traffico ricorrente nel periodo considerato.

ga-evergreen

Un contenuto ottimale dovrebbe generare un traffico simile a quello riportato in figura:

Meta tag duraturi

Come puoi vedere, un contenuto ottimale attrae un traffico consistente per un lungo periodo di tempo – in questo caso circa un anno.

Ricordati che non è necessario avere un traffico smisurato. Se il contenuto è rilevante per i tuoi prodotti o servizi, la cosa importante è che attragga i giusti visitatori.

Una volta che avrai identificato il giusto contenuto, pensa a cosa hanno in comune queste pagine:

  • Titoli. C’è un modello da seguire? Esistono alcuni fattori determinanti come titoli interessanti, elenchi e guide su “come fare a…”.
  • Argomenti. Scegliere i temi e gli argomenti migliori.
  • Stile degli articoli. Puntare sullo stile dei tuoi articoli: classici; infografiche; o contenuti lunghi.
  • Presentazione. Presentati bene i tuoi articoli. Un titolo chiaro lo rende un articolo più leggibile ed efficace anche nel lungo periodo.

Analizza i dati dei social

Utilizzando strumenti social come buzzsumo puoi individuare i post che hanno più successo sui social media.

Questo non equivale ad avere traffico costante sui motori di ricerca, ma è un buon punto di partenza.

Buzzsumo

Posizionamento nei motori di ricerca

Cerca per quali termini sei cercato e quali pagine hanno un buon posizionamento per questi termini. Farlo ti aiuterà a identificare il contenuto più efficace che sta funzionando, e ti darà spunti per creare nuovi contenuti.

seo-evergreen

Per avere qualche idea, è utile individuare i termini di ricerca per i quali è possibile avere un miglioramento, come quelli che hanno perso posizioni a causa di contenuti troppo vecchi, o che sono posizionati nella prima metà della seconda pagina.

Aggiorna il contenuto

Un modo semplice per creare un contenuto efficace, e che segua i punti sovra citati, è rinnovare e riscrivere i testi  delle pagine ottimizzate già esistenti.

Una tattica che può funzionare è, per esempio, aggiornare il contenuto e ripubblicarlo come se fosse nuovo. In sostanza con un aggiornamento parziale e una nuova data di pubblicazione, puoi attrarre traffico, link e condivisioni, e migliorare il posizionamento di quella pagina.

Ad ogni modo è meglio, e più utile per i lettori, creare nuovi articoli basati su un vecchio argomento. Puoi usare vecchie pagine per linkare la nuova versione, e vice versa.

Alcuni modelli di contenuto ottimale

I seguenti tipi di contenuto funzionano bene e possono essere adattati a siti e argomenti differenti.

Scrivi per un pubblico di “nicchia”

Non temere di entrare nei dettagli quando scrivi un post. Un contenuto efficace non deve essere solo popolare, ma deve portare il giusto traffico in un dato periodo di tempo.

Per esempio, un post sull’uso dei redirects 301 potrebbe sembrare di nicchia, ma per un sito che parla di SEO, garantisce un traffico long tail consistente.

Guide su “Come fare a…”

Le guide su “come fare a…” funzionano nel lungo periodo perché danno informazioni pratiche agli utenti e funzionano bene proprio anche come termini di ricerca, dal momento che moltissimi utenti cominciano le proprie ricerche con “come fare a …”.

seo-internal-linking

Usa gli elenchi

Usa spesso gli elenchi perchè oltre ad essere immediati da leggere, attirano l’attenzione delle persone.

Via libera alla scrittura

Sostenere che internet abbia abbassato drasticamente la soglia di attenzione delle persone, e che gli articoli più lunghi siano da evitare, non è propriamente corretto.
Gli articoli lunghi sono generalmente più comprensibili e possono soddisfare i lettori con tutte  le informazioni di cui hanno bisogno su un dato argomento.

Infatti, la curva di Quartz è un buon esempio del contrario: gli articoli che hanno tra le 500 e le 800 parole non funzionano molto.

La ragione? Un articolo tra 500 e 800 parole è da evitare, perché non è abbastanza corto, veloce, concentrato e da condividere, e non è lungo abbastanza da sentirsi ripagati dell’esperienza.

quartz-curve

Per concludere

Non esiste una formula magica per creare un contenuto SEO perfetto, ma bisogna provarci.
Puoi creare una guida completa su un argomento di grande interesse ma, per vari motivi, potrebbe non funzionare.

Ad ogni modo se ti impegni dalla pianificazione alla scrittura, potresti arrivare a creare un contenuto SEO ottimale e che duri nel tempo, “evergreen” appunto!

Fonte originale (in inglese): https://www.clickz.com/how-to-plan-and-create-evergreen-content/106812/

Related Posts